Animali · Assurdità · Lamentele · Pensieri Personali

Questi cani che abbaiano non se ne può più

Ore 9.00 a.m.

Avevamo appena finito di stendere i panni sul balcone.
Passa un pick-up con un pastore tedesco sul retro. Ringo che non può vedere ne i pick-up, né tanto meno i pastori tedeschi, abbaia. Ma prima di lui lo fa una pitbull del vicino. Ovviamente il pastore tedesco risponde ai nostri cani. Normale routine mattutina delle 9.00.

Improvvisamente, un altro vicino alza la voce verso di me e mia madre dicendo: “Eh, ma con questi cani che tutte le mattine alle 7.30 abbaiano. Ciò che la fate finita!”…

  1. Sono le 9.00 del mattino e non le 7.30
  2. Io ho l’allarme del cellulare alle 7.30 ed il secondo alle 8.00, e le persiane che danno sui balconi le apriamo dopo le 8.00. Pertanto il mio cane fino alle 7.30 dorme e fino alle 8.00 lo tengo in casa. Non può essere Ringo ad abbaiare
  3. “Con questi cani” io ho solo un cane. Non un canile.
  4. Le nostre case affacciano su una strada non proprio piana. È piena di dossi e buche. Alle 7.00 circa passa sempre un’ape di un signore che va in campagna e fa un rumore assordante che, almeno a me, fa sempre sussultare. E subito dopo dei trattori con dei pianali a rimorchio che fanno lo stesso effetto.
  5. Il quartiere dove abitiamo si è ormai riempito di famiglie con cani.
  6. Il signore abita in un condominio dove è presente un’altra famiglia che ha un cane (che per giunta abbaia molto più spesso di Ringo)
  7. Nelle stesso condominio è presente una famiglia che non fa altro che gridare dalla mattina alla sera (avete presente lo spot della nota candeggina dove tutti in casa urlano per avvisare di quanto pulisce il prodotto? Ecco, un po’ così).
  8. Lo stesso signore ogni tanto accende lo stereo ad alto volume.
  9. Sempre sulla stessa strada, nei fine settimana, passano in continuazione moto da strada, moto da crosso, motorini e chi più ne ha più ne metta.

Ora mi domando. Ma è mai possibile che sia solo il mio cane a fare chiasso? Che poi sì abbaia, ma non in continuazione e nemmeno agli orari che dice il tizio. Per fare un esempio la sera prima erano circa le 23.00  e lui tranquillamente dormiva sul balcone e non ha mai abbaiato.

Ogni abbaio, indipendentemente dal cane che lo fa, è colpa di Ringo.
Ogni escremento di cane in strada non raccolto è comunque di Ringo.
Tutti gli altri gridano, fanno chiasso ad orari impensabili e tutti zitti. Tanto è colpa di Ringo.

MA PER FAVORE!

IMG_3855Ringo stranitoNella seconda foto aveva poco più di un anno… a Dicembre ne avrà 12.

Letture

Review: L’eretico

L'eretico
L’eretico by Carlo A. Martigli
My rating: 0 of 5 stars

È un romanzo che all’inizio si fa un po’ fatica ad inquadrare l’esatto protagonista della storia perché nel corso dei primi capitoli ne vengono presentati parecchi. Ma la sensazione svanisce subito. La storia è molto interessante ed avvincente, che in molti punti lancia delle domande. Un esempio lo si può trovare nel punto in cui uno dei protagonisti si chiede come sia possibile che della vita di Gesù si conosca solo quando nasce e il periodo che precede la morte, ma non viene narrata la sua crescita. Cosa è successo negli anni dell’adolescenza di Gesù? Il romanzo pone una sua ipotetica probabilità, che sia vera o meno non saprei dirlo. In fin dei conti è un romanzo e potrei pensare che l’intero narrato della vita di Gesù sia servito all’autore per creare una sua trama. Ma ad ogni modo è anche un romanzo in cui si incontrano molti personaggi storici realmente esistiti, come ad esempio la famiglia Borgia, alcuni esponenti della famiglia Medici. Ma si citano anche i Colonna e gli Sforza per passare da Leonardo Da Vinci, Girolamo Savonarola, Pico della Mirandola e il pirata Barbarossa. Personaggi che quando si studiano a scuola lo si fa prendendoli separatamente, al massimo c’è qualche accenno ad altri personaggi dello stesso periodo. Non si pensa mai, almeno così succedeva a me, che effettivamente tutti questi personaggi storici hanno convissuto nello stesso arco di tempo e che probabilmente possano aver interagito fra loro.
Tornando alla trama del romanzo non posso non dire che mi sia rimasto un po’ di amaro in bocca nel non sapere se il libro che Ada Ta ha messo nella tomba del papa Innocenzo che fine abbia fatto, oltre al fatto se possa essere veramente esistito. Servirebbe un approfondimento nello studio di quel periodo storico (parlo per me in questo caso). Un libro che a me è piaciuto molto, che dà molti spunti su cui riflettere.

View all my reviews

Letture

Review: Il palazzo della mezzanotte

Il palazzo della mezzanotte
Il palazzo della mezzanotte by Carlos Ruiz Zafón
My rating: 3 of 5 stars

Parte un po’ lento, tanto che giunti a metà romanzo ancora non si è delineata bene la trama . La seconda parte invece c’è molta più azione e si risolvono molti punti in sospeso della prima parte del romanzo. Il finale poi è ricco di colpi di scena.
Credo che se il romanzo fosse stato più corposo in quanto a numero di pagine, molti punti salienti della storia avrebbero avuto molto più spazio per essere approfonditi meglio. Specialmente nella parte in cui si racconta il passato del padre dei due gemelli. Per una come me a cui piacciono storie di misteri e fantasmi è un buon romanzo, ma ripeto, per me con un po’ più di pagine avrebbe ottenuto qualche stella in più.

View all my reviews

Letture

Review: La mano di Fatima

La mano di Fatima
La mano di Fatima by Ildefonso Falcones
My rating: 3 of 5 stars

Il romanzo inizia un po’ lento. Nel proseguire, però, si fa più interessante. Mi ha fatto comprendere un po’ meglio i rapporti fra le due religioni presenti nel racconto, e quanto possono essere state divise dal pregiudizio. Ogni credo è convinto dell’unicità della propria religione e fa di tutto per cercare di soppiantare l’altra. Da entrambe le parti ci sono lati positivi e negativi. Tanto che in certi punti del racconto ci si chiede dove stia la verità? Una cosa che a me non è piaciuta (ma qui si tratta di un pensiero personale) è la dovizia di particolari nel descrivere alcune scene violente e non. In quei punti tendevo a leggere di fretta per non soffermarmi troppo sulla scena. Per il resto un romanzo che consiglio, specie di questi tempi. Per l’intera trama mi sono sempre chiesta su chi fosse il vero nemico e credo che l’unica risposta possibile è: il pregiudizio.

View all my reviews

Lamentele

Degrado mentale

Collage

Quello che vedete è andato avanti per alcune settimane. Ogni nuovo lunedì, c’era la sorpresa di “ammirare” queste opere d’arte. Non so quanto si potrà vedere dal collage, ma l’intento non è quello di far leggere ciò che è scritto, non è mia intenzione dare ulteriore attenzione a chi ha fatto questo. Non vorrei che si montasse troppo la testa e si sentisse in dovere di continuare.

Non voglio nemmeno giudicare il/i maleducato/i… tanto ci pensa l’ultima scritta a riassumere il tutto:

scritte-muro

Direi che si commenta da solo.

Lamentele · Pensieri Personali

Movimento retrogrado

Wikipedia dice così:

Il moto retrogrado è il movimento che possiede un corpo celeste quando si muove nel verso opposto al moto diretto, cioè nel verso contrario a quello normalmente atteso.

Ecco.
Alcune persone hanno il cervello in  costante movimento retrogrado.

Anziché evolvere…regredisce.

In questo momento sono in visita nel Medioevo, ma dal momento che non sono soddisfatti hanno deciso di proseguire fino all’età della pietra. 😒

Animali · Assurdità · Cose personali

Parlando

Io: “Noi abbiamo in casa una stufa a gas, di quelle che hanno la fiamma davanti. Pensi che non possiamo accenderla perché Ringo, il nostro cane,  si alza dalla sua copertina e si piazza davanti alla fiamma correndo il rischio che prendi fuoco e così siamo sempre costrette a tenerla spenta.”

Signora: “Beh, quando l’accendete potete chiudere il cane in un’altra stanza!”

Io: “😐”

 

Non abbiamo il riscaldamento centralizzato, quindi abbiamo stanze completamente fredde, come puoi chiedermi di chiudere il cane al freddo, in un’altra stanza per tenerci calde noi?

Poi-senti-parlare-certa-gente-e-ci-rimani-così
Credit: Da una pagina facebook di cui non mi ricordo il nome. Scusate!
Cose personali

Analisi del 2015

…niente di eclatante! 🙂

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

Un “cable car” di San Francisco contiene 60 passeggeri. Questo blog è stato visto circa 210 volte nel 2015. Se fosse un cable car, ci vorrebbero circa 4 viaggi per trasportare altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Diciamo che quest’anno ho pubblicato molto poco, ma non mi aspettavo niente di diverso alla fine, dato che non è il mio blog principale. 😉